G. VERDI

Storia

La ditta venne fondata da Giuseppe Verdi nel 1971; era stata ereditata dall’esperienza del suocero, che aveva fondata il marchio Varona e Bistolfi, attivo dal 1946 e specializzato in spille di oro bianco e pietre preziose. Molti sono stati i cambiamenti sia a livello di produzione sia a livello di mercato: negli anni ‘70 la ditta vendeva a grossisti europei; a partire dagli anni Ottanta la produzione si differenzia, il prodotto di punta sono in quegli anni i bracciali a molla e diventa di primaria importanza la partecipazione alle Fiere di settore (in particolare, Gold Italia di Milano, Fiera di Vicenza e di Valenza; Fiera di Basilea): i mercati più importanti sono gli Stati Uniti e l’Europa.

Dal 1991 subentra Marco Verdi in azienda. Sono gli anni in cui la produzione si concentra esclusivamente su disegni realizzati all’interno dell’azienda, mentre in passato si affidava a designer esterni. Questo ha aumentato l’esclusività della produzione, diventando prodotto di punta del marchio soprattutto le parure composte da bracciali e orecchini.

Negli anni i bracciali a molla continuano ad essere una delle eccellenze dell’azienda, molto apprezzati nel Medio ed Estremo Oriente, mentre ha perso importanza il mercato nord americano.

I gioielli sono da sempre incastonati con diamanti e altre pietre preziosi; nelle ultime collezioni è aumentato l’uso di coralli e pietre dure dalle colorazioni vivaci, in linea con i gusti e le richieste della clientela. La Verdi è sempre stata molto attenta nella cura dei dettagli e nell’attenzione alla qualità della lavorazione.

Oggi tutta la produzione è interna all’azienda e conta un gruppo di lavoro costituito da 14 persone. Il marchio Verdi, rigorosamente made in Italy, viene per questo apprezzato sul mercato medio orientale, russo e dell’estremo oriente.

Anche il jet set internazionale indossa le creazioni dell’azienda.

Su disegno di Gino Paoli la Verdi ha realizzato un gioiello esclusivo la cui vendita è andata a favore della ricerca sulla sclerosi multipla.

Giuseppe Verdi è stato presidente dell’Associazione Orafa Valenzana (confluita in Confindustria Alessandria) per due mandati, dal 1986 al 1992.

Nel 2016 Giuseppe Verdi è stato insignito del premio S. Eligio.

Archivio

La maggior parte della documentazione conservatasi risale al 1970 circa. I disegni sono custoditi in un armadio e sono datati a partire dal 1990 in poi; i disegni sono preparati in una prima fase ancora su carta e poi vengono trasferiti su formato digitale. Nella fabbrica sono conservate gomme a partire dalla fine degli anni Novanta; esiste un numero progressivo per ogni gomma corrispondente al modello. Ogni oggetto ha una scheda tecnica, che viene periodicamente aggiornata; tali documenti sono sia cartacei sia digitali (entrambi i supporti). Sono presenti cataloghi pubblicitari a partire dal Duemila; ogni catalogo viene rinnovato ogni due anni, in formato cartaceo e digitale.

 

Si evidenziano in particolare le seguenti serie:

- Cataloghi tecnici: alcune decine, con indicazioni del riferimento agli stampi

- Disegni: un armadio

- Stampi in gomma: non quantificati

- Modelli in metallo vile: non quantificati

- Fotografie: n. 3 album (dagli anni Ottanta alla fine degli anni Novanta). Oggi le fotografie riguardano una parte della collezione e sono digitali.

- Materiale pubblicitario (brochures, cataloghi), 2000 – 2016

- Schede tecniche: cartacee (dagli anni Ottanta); digitali (dagli anni Duemila)

Fonti

W. Fochesato, R. Massola, Gioielli su carta. Ricchezze dorate fra disegni e cartoline: da Valenza all’Italia, Interlinea, Novara 2018, disegno riprodotto a pag. 59

L. Lenti, Gioielli e gioiellieri di Valenza. Arte e storia 1825-1975, Allemandi Torino 1994. Voce descrittiva

G. Verdi & C. s.r.l.
Via XXIX Aprile, 8
15048 Valenza (AL) 
+39 0131927254
info@verdigioielli.com
www.verdigioielli.com

          

press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
1/1