2000px-Flag_of_the_United_Kingdom.svg.pn
MUSEO DELL'OREFICERIA DIFFUSO [MOD]

Presso l’antico complesso di San Domenico (ex scuola elementare Carducci) a Valenza si stanno ultimando i lavori di allestimento dell’area del portico esterno che diventerà il primo spazio del Museo diffuso. La narrazione della storia orafa valenzana sarà affidata non a un singolo luogo ma a un insieme di luoghi uniti da un itinerario tematico. L’identità storica di Valenza sarà raccontata a partire proprio da questa prima sede che ospiterà la ricostruzione di un laboratorio orafo dei primi del ‘900. Gli attrezzi, i macchinari e gli oggetti che saranno esposti appartengono alla preziosa collezione che negli anni l’Associazione Amici del Museo dell’Arte Orafa di Valenza ha sapientemente conservato e ordinato. A questo materiale si aggiunge un forziere del XV Secolo appartenuto a una antica famiglia di orafi faentini che Stefano Verità aveva acquistato per conto dell’Associazione Orafa Valenzana nel periodo in cui ricoprì il ruolo di Presidente (1983-1988) e recentemente concessa in uso al Comune di Valenza. 

L’esposizione sarà corredata da apposite didascalie che descriveranno i singoli oggetti in mostra.

Il Museo diffuso ha anche un suo specifico logo che è stato ripreso da quello ideato nel 1996 da Ezio Campese per il Museo dell’Oreficeria. E’ del grafico Davide Fossati di Nuovela la riproduzione del logo nella versione per il Museo Diffuso.

 

Così l’Assessora alla Cultura, Costanza Zavanone, illustra il progetto del Museo diffuso:

A PROPOSITO DI MUSEO DIFFUSO- È noto che da diversi anni l’istituzione di un museo del gioiello a Valenza appare come un’impresa utopica, dati i costi altissimi che comporterebbe la sua gestione, per citare almeno uno degli elementi problematici che comporterebbe la sua esistenza.

Convinta della necessità di una politica culturale legata al lavoro orafo, fin dall’inizio del mio mandato ho continuato a pensare ad una possibile soluzione del problema guardando al modello alternativo del museo diffuso. Partendo da questa idea di scomporre gli elementi costitutivi di un museo in luoghi diversi ho immaginato infatti tappe costruttive del progetto distribuite negli anni, così da porre le fondamenta di un disegno che potesse crescere nel tempo, coinvolgendo tutta la città di Valenza e le future amministrazioni. 

Quattro anni fa con la partecipazione a un bando regionale per il censimento di archivi d’impresa è iniziato il tenace lavoro di Riccardo Massola che, grazie alla collaborazione di molte storiche aziende del distretto, degli Amici del Museo dell’Arte Orafa e della scuola orafa For.Al “V. Melchiorre”, ha portato alla creazione del sito www.archiviorafivalenza.it, vero e proprio Museo virtuale del gioiello, unico in Italia, che consente anche un ingresso “tridimensionale” in due laboratori, uno tradizionale ed uno attualissimo. A questo si aggiungono ora due luoghi espositivi: pochi pezzi al Centro Comunale di Cultura e la piccola bella vetrina del S. Domenico che sarà inaugurata fra poco. Possiamo sperare che alle iniziative del Comune si uniscano i privati in futuro, ad esempio offrendo ai visitatori, in spazi diversi, esposizioni temporanee che potrebbero essere di grandissimo valore, lungo un itinerario mobile in continuo crescendo. 

Mi rendo conto che la mia possa essere considerata un’idea visionaria. Ma credo che valga la pena continuare. Per ora dimostriamo, con il recupero degli archivi, della collezione degli Amici del Museo e con l’utilizzo del logo elaborato da Ezio Campese per il museo, che il lavoro fatto in passato non solo non è andato perso ma segna un nuovo inizio.

BIBLIOTECA CIVICA
CENTRO COMUNALE DI CULTURA


Piazza XXXI Martiri - 15048 Valenza (AL)
Biblioteca: telefono 0131-949286 - Centro Comunale di Cultura: 0131-949287 / Fax 0131-946082

 

e-mail: biblioteca@comune.valenza.al.it / PEC: cultura@cert.comune.valenza.al.it

NOTE LEGALI