PICCHIOTTI

Storia

Nato a Valenza nel 1937, Giuseppe Picchiotti sembrava destinato per tradizione familiare al mestiere di farmacista; tuttavia, nelle estati libere dallo studio appena tredicenne cominciò per passione il suo tirocinio presso la scomparsa ditta Camurati e Ubertone, importante crocevia formativo di molti ottimi orafi valenzani.

Dopo aver conseguito anche il diploma presso l’Istituto Professionale Orafo, si recò all’età di venti anni a Londra per apprendere l’inglese. Al ritorno, grazie alla sua conoscenza delle lingue - capacità allora rara - fu impiegato come rappresentante presso la neonata consociata per il commercio estero PARM, proprio mentre la gioielleria valenzana si apriva al mercato mondiale. Sulla base di questa esperienza internazionale, nel 1967 aprì la sua attività in proprio insieme alla sorella Annamaria, associandosi poi solo per qualche anno a partire dal 1973 con il cognato Mauro Marcalli e utilizzando da allora il marchio di identificazione 1952AL. Dal 1977 gli uffici e l’atelier produttivo dell’azienda furono trasferiti nell’ormai storica sede in corso Garibaldi 137 a Valenza.

Per anni Giuseppe Picchiotti ha continuato a viaggiare attraverso l’Europa ed il mondo per acquistare gemme e raggiungere i propri clienti, divenendo ad esempio fornitore di Tiffany & Co. Nel suo lavoro egli è stato inoltre affiancato dalla sorella Annamaria, dalla moglie Maria Matilde e successivamente anche dai figli Maria Carola, Filippo, Umberto e dalla nipote Francesca. Sono dunque ben sette i componenti della famiglia coinvolti nell’attività.

La ditta Picchiotti continua ancora oggi ad essere prettamente orientata verso il mercato internazionale ed è regolarmente presente alle principali fiere, come quella di Basilea (sin dal 1973), di Las Vegas, di Vicenza come pure alle esposizioni del Medio ed Estremo Oriente. In questi eventi infatti l’azienda presenta le proprie linee di alta gioielleria classica dal gusto contemporaneo, alle quali si è aggiunta recentemente la collezione di orologi Caletta. Alla ditta Picchiotti sono stati conferiti diversi riconoscimenti per la sua apprezzata produzione, quali il Basel Award, il Couture Design Award ed il Platinum Guild Best of Show Design Award.

 

Archivio

La maggior parte della documentazione si è sedimentata a partire dal 1967. Al pari di altre simili situazioni, Custoditi negli spazi destinati alle lavorazioni, in quanto ancora utili alla produzione, risultano ben condizionati. La serie degli stampi in gomma e dei modelli in alpacca occupa una grande cassettiera. I disegni invece sono conservati in cartelle e numerati in ordine progressivo. Recentemente sono stati tutti digitalizzati tramite scansioni.

Le principali serie individuate sono:                                                                                            

In particolare si evidenziano le seguenti serie:

-Stampi in gomma e modelli in alpacca, 4000 pezzi circa, 1967-2017. Ciascuno stampo possiede la sua numerazione identificativa ed è conservato in una grande cassettiera dagli scomparti numerati, nella quale si trovano anche circa 100 modelli in alpacca

 

-Disegni, 8000 pezzi circa, 1967-2017

I disegni, numerati in ordine progressivo, si trovano condizionati in cartelle. Essi sono stati tutti recentemente digitalizzati tramite scansioni

 

-Fotografie analogiche e digitali, 1967-2017

Fonti

Lia Lenti, Gioielli e gioiellieri di Valenza. Arte e storia 1825-1975, Allemandi Torino 1994,

Voce specifica a p. 426; citazione a p. 424; tavola XXXVIII                                                     

 

Lia Lenti – Maria Cristina Bergesio (a cura di), Dizionario del gioiello italiano del XIX e XX secolo, Allemandi Torino 2005, Voce specifica a p. 219 (con illustrazione); citazione a p. 283

 

Valenza ou la joaillerie italienne, catalogo della mostra, Parigi, Petit Palais, 8-28 febbraio 2010, Nuvole, Sardigliano 2010, Illustrazione a p. 129

Picchiotti s.r.l.
c.so Garibaldi, 137
15048 Valenza (AL) 
+39 0131953081
info@picchiotti.it
www.picchiotti.it

Mostra altro
1/2

BIBLIOTECA CIVICA
CENTRO COMUNALE DI CULTURA


Piazza XXXI Martiri - 15048 Valenza (AL)
Biblioteca: telefono 0131-949286 - Centro Comunale di Cultura: 0131-949287 / Fax 0131-946082

 

e-mail: biblioteca@comune.valenza.al.it / PEC: cultura@cert.comune.valenza.al.it

NOTE LEGALI