CELON JASMINE

Ho 24 anni e sono nata e cresciuta a Valenza, ho studiato design prima al Liceo Artistico “Carlo Carrà” della mia città e poi allo IED - Istituto Europeo del Design di Torino, specializzandomi in Design del gioiello e dell’accessorio moda.

Sono una persona molto curiosa, amo l’arte e il design a 360° e non mi stanco mai di conoscere e sperimentare qualsiasi novità che possa, in modo diretto o indiretto, darmi sempre nuova ispirazione, ispirazione che per i miei lavori traggo da ciò che mi circonda, a livello macroscopico e microscopico, che si tratti di un dettaglio, una combinazione cromatica, un particolare tecnico.

I dettagli tecnici e la meccanica sono gli elementi che più mi affascinano; quando il design è semplice ed essenziale essi possono diventare l’elemento distintivo che rende l’oggetto unico e particolare nel suo genere. Penso che un plus fondamentale nel processo di creazione sia lo sviluppo di tecnica e di meccanica che assieme riescono a dare funzionalità alla creazione, rendendola non fine a se stessa ma donandole uno scopo, una funzione, come l’indossabilità e l’ergonomia.

Febbraio è caratterizzato, nella sua simbologia stagionale, dalla metamorfosi; è un periodo intermedio, di cambiamento e di sviluppo. Essendo il secondo mese dell’anno, esso rappresenta anche la polarità: ci indica come ogni cosa sia divisa in due e che in ogni manifestazione della vita esiste un opposto.

Astrologicamente febbraio è il mese dei segni dell’acquario e dei pesci, rispettivamente simboleggianti l’aria, intesa come vento impetuoso, e l’acqua come conoscenza delle cose.

Ragionando su questi aspetti ho desunto che l’acqua possa essere simbolo di purezza e di candore, mentre all’aria possano essere attribuite le proprietà dello spirito nella duplice dimensione di sentimento e di pensiero.

La fase progettuale della mia opera ha avuto inizio con una riflessione su questi due aspetti tra loro interconnessi, e su come l’uno abbia inevitabilmente bisogno dell’altro.

Così ha preso forma Celeste, un’opera nata dall’azione esercitata dal vento sull’acqua, come il primo spettini la seconda donandole movimenti ampi e pieghe morbide e fluenti. I movimenti sono stati resi con una tempesta di brillanti, disseminati sulla superficie.

Con toni azzurro-verdastri che virano al grigio - colore simbolo del mese di febbraio - ho disegnato grappoli di perle e pietre preziose che raffigurano l’azione dell’aria sull’acqua e come essa dia origine alla spuma che si dissolve al respiro del vento.

02 febbraio Jasmine Celon.jpg

Febbraio

Disegno eseguito a mano su cartoncino Tintoretto color gesso (300 g) con pantoni, tempera bianca, penna a inchiostro nero